lunedì 28 aprile 2014

Sformatini di barbabietole con salsa allo yogurt e zucchine

Avete presente quegli scogli che proprio non si riescono a superare e nemmeno ci si vuol provare? Ecco, io ho fatto un enorme sforzo psicofisico e ne ho superato uno. E’ stata dura e ho trascorso settimane intere a dirmi che almeno avrei dovuto provarci. Non è stato per nulla facile affrontare questa prova ma alla fine sono orgogliosissima di me stessa e del risultato ottenuto. Di quale scoglio si trattava? Non lo immaginereste mai…quella montagna da scalare prende il nome di BARBABIETOLA!!! Pauroso, vero?! Sono stata coraggiosa, lo ammetto…
Scherzi a parte…io e la barbabietola siamo state acerrime nemiche per anni e anni, nonostante all’inizio sia stato amore a prima vista e a primo assaggio. Ho un ricordo molto offuscato di una cena a Wiesbaden tantissimi anni fa, quando mi portarono un enorme piatto contente un’insalata mista e coloratissima piena di verdure di ogni tipo e una serie di salse da usare come condimento. Quell’insalata era fantasmagorica, stellare nonostante la presenza della barbabietola. Pensai di riprodurla a casa e acquistai delle rape cotte al supermercato…posso dire che esteticamente era molto appagante ma il gusto era orribile! Il sapore dolciastro dell’orrendo ortaggio, rinominato “profondo rosso”, era invasivo e rovinava tutta la mia opera. Per anni ho avuto quel nauseante e tremendo ricordo che mi ha fatto escludere la barbabietola dalla mia alimentazione. All’alba dei 33 anni ho pensato bene di fare uno sforzo e di riprovarci. In fondo si dice che i gusti cambiano e devo ammettere che questa è la pura verità. Come iniziare a relazionarmi di nuovo con la barbabietola? Tutti cucinano delle meravigliose vellutate che solo a vederle mettono il buonumore…ma ho pensato che non fosse il caso di cominciare con una cremina troppo “barbabietolosa”. Ho creduto quindi fosse meglio stemperarne il gusto con l’aiuto di altri sapori ma soprattutto avevo la necessità di ottenere una consistenza più solida. Ecco la storia del mio nuovo approccio con il temuto ortaggio rosso...


Ingredienti
400 gr di barbabietole cotte
3 patate medie
1 scalogno
1 spicchio di aglio
farina di mais q.b.
olio EVO
1 zucchina
120 gr di yogurt greco
salsa di soia (io uso quella "gluten free")
timo fresco
sale
pepe

Preparazione
Per prima cosa devo far bollire le patate.
Successivamente taglio le barbabietole a dadini e le faccio insaporire per qualche minuto in una padella insieme a un soffritto di scalogno e aglio poi salo e inserisco nel mixer. Aggiungo anche le patate bollite e sbucciate, 2-3 cucchiai di farina di mais, un filo d’olio, un paio di rametti di timo sfogliato e aziono a intermittenza fino ad ottenere un composto abbastanza cremoso di base ma ancora grossolano. 


Ungo gli stampini con un po’ d’olio e li spolvero con farina di mais poi li riempio con il composto di barbabietole e patate (nota: io ho usato 4 cocottine monoporzione ma voi potete usare i pirottini in alluminio e con questo composto dovreste riuscire a riempirne 6).
Inforno per circa 15 minuti a 180° forno ventilato, in maniera tale che gli sformatini si asciughino un po’.


Nel frattempo preparo la salsina emulsionando lo yogurt insieme a un pizzico di sale, 1 cucchiaino di salsa di soia e 1 cucchiaio di olio.


Infine grattugio la zucchina e la salto in padella con un filo d’olio. Salo e lascio asciugare su di un foglio di carta da cucina.


Lascio intiepidire lo sformatino e lo servo insieme alla salsa e alle zucchine.

6 commenti:

  1. Alessia come ti capiamo!condividiamo con te questo strano rapporto con la barbabietola... colore meraviglioso che ricorda un po' il rosso Botero ma, chissà perché, rimane sempre lì a guardarci dal banco verdure... magari questo invitantissimo sformatino ci farà rompere il fiato!! lo proveremo di sicuro! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazze, è stata durissima! Ci vuole molta forza di volontà! È proprio un po'come quando si inizia a correre e dopo 1 minuto ti senti già completamente senza fiato...perseverare ripetendo il mantra "ce la posso fare...ce la posso fare...ce la posso fare..."!!! =)
      Baci a voi!

      Elimina
  2. Con questa ricetta le ho mangiate pure io...ed è tutto dire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, proprio tu che detesti la barbabietola! :)

      Elimina
  3. Sono sempre stata molto prevenuta nei confronti di questo ortaggio, ma con il tempo ho imparato ad apprezzarlo ed ora mi piace moltissimo! :)
    Trovo molto originali questi sformatini e voglio proporli al più presto in famiglia. credo che qualcuno cambierà idea sulla barbabietola!
    Un caro saluto ancora
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria Grazia, spero che allora quel "qualcuno" cambi idea come ha fatto il mio ragazzo ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...