sabato 31 maggio 2014

Kamut risottato con asparagi e fragole

Una ricettina preparata prima di partire per Roma, realizzata con due ingredienti che adoro e che sono già stati collaudati da altri per cui sono andata sul sicuro.
Ora sono in treno e in questo istante mi sto godendo lo spettacolo di un paesaggio collinare rigoglioso e verdissimo con Elena, una bimba di 2 anni che ci tiene compagnia con la sua vivace parlantina. Il posto accanto al finestrino è sempre il mio, io devo ammirare il paesaggio, anche quando questo non offre nulla di interessante ma solo casermoni e cemento. Il cielo è pieno di nuvoloni quasi minacciosi quindi le previsioni ci hanno preso in pieno, ma da domani ci sarà un sole splendente per fortuna!
Buon weekend a voi tutti e...anche a noi turisti!


Ingredienti per 4 persone
320 gr di Kamut (io ho utilizzato del Kamut precotto che ha una cottura più breve)
750 ml di brodo vegetale già salato
1 mazzo di asparagi
15 fragole
1 scalogno
qualche fogliolina di basilico (io ho usato del basilico greco)
1/2 bicchiere di vino bianco aromatico
olio EVO
sale
pepe


Preparazione
Pulisco gli asparagi utilizzando un pelapatate per la parte di gambo più coriacea e li cuocio al vapore (oppure nell’asparagera). Una volta cotti, taglio le punte e le tengo da parte perchè le userò solo verso fine cottura. 1/3 dei gambi li taglio a rondelline che tengo da parte e il resto lo frullo insieme a un po’ di brodo fino ad ottenere una crema consistente e nel caso aggiusto di sale.
In un tegame faccio soffriggere lo scalogno, aggiungo 10 fragole lavate e tagliate a pezzetti e le rondelline di asparagi tenute da parte. Lascio rosolare per qualche istante e infine unisco il kamut precedentemente sciacquato, lo tosto leggermente e sfumo con il vino. Piano piano aggiungo il brodo e faccio cuocere lentamente come un risotto. Verso fine cottura aggiungo le fragole rimaste, t
agliate a tocchetti, le punte degli asparagi e finisco di cuocere.


Manteco con la crema di asparagi e unisco le foglie di basilico per profumare.
Servo con una macinata di pepe.
 


Consigli e varianti
Se non trovate il kamut precotto che cuoce in circa 15 minuti, potete usare quello normale ma dovrete farlo bollire per almeno mezzora e poi potrete terminare la cottura come indicato sopra.

 

6 commenti:

  1. Anche a me piace molto viaggiare vicino al finestrino, vedere il paesaggio scorrere di fianco a me mi fa sentire in un film! Goditi Roma, quanto vorrei tornare!
    Ottima idea il kamut!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossella! Sì viaggiare è una delle cose più belle del mondo e io devo assolutamente poter guardare fuori dal finestrino, che io sia in auto, in treno, in aereo...
      Un abbraccione e grazie di essere passata ;)

      Elimina
  2. Sì, bello viaggiare e poter guardare fuori dal finestrino. Poter vedere spazi di verde, ma anche casermoni e case. Vedere anche persone prese dalle loro attività ed immaginare quali possano essere i loro pensieri...e poi, soprattutto, pensare alle sorprese che riserverà il viaggio. Allora? Com'è andata????? :-))))
    Interessante, ho sempre e solo assaggiato derivati della farina di kamut...ma così, in versione risotto mai! Curiosa iooooo!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gio' sto ancora preparando il post su Roma, ci credi? Ci sono troppe cose da raccontare e troppe fotografie tra le quali scegliere!!!
      Prova il Kamut risottato e fammi sapere :)
      Bacissimi cara

      Elimina
  3. Buonissima e intrigante questa tua ricetta, da fare al più presto! Grazieeee
    ciaoooo
    ti abbraccio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...