mercoledì 22 ottobre 2014

Tortino di patate e anacardi...e riflessioni di metà settimana!

Ci sono avvenimenti che ti cambiano inevitabilmente la vita, che ti modificano nel profondo e che ti segnano per sempre. Alcuni ti segnano fisicamente, altri ti segnano solo dentro e ti fanno vedere tutto diversamente.
Alcune volte hai voglia di condividere il tuo cambiamento, altre volte no e altre ancora vorresti ma non puoi.
Però tu sai che sei una persona diversa, sai che qualcosa in te non sarà mai più come prima.
Spesso non è nemmeno facile ammettere o concepire un cambiamento soprattutto quando questo comporta un adeguamento ad una nuova situazione di vita magari più debilitante. Ma se c’è una cosa che io ammiro tantissimo in alcune persone che si trovano ad affrontare una cosa del genere, è la loro capacità di reagire. Certe persone tirano fuori un’energia e una forza pazzesche che sono davvero al confine tra l’umano e il disumano. E loro sì che sanno apprezzare molto di più le piccole cose che la vita offre. Magari una vita di fatica, di stenti e di disagi ma pur sempre una vita che sa donare anche il più piccolo dei piaceri come una passeggiata autunnale all’aria aperta in mezzo alle foglie gialle che cadono dagli alberi in uno splendido parco. E voi la sapreste apprezzare questa passeggiata? La sapreste apprezzare la camminata più faticosa del mondo per raggiungere quel punto della collina da cui si vede uno splendido panorama? Molti di noi possono camminare e permettersi di raggiungere quel punto in men che non si dica, ma c’è qualcun altro al mondo per il quale quel punto è il più faticoso da raggiungere nonostante sia assolutamente alla portata di tutti. Quel qualcuno raggiunge quel benedetto punto della collina sudando mille camicie e versando lacrime di dolore e di fatica, una fatica immensa che però viene ripagata dalla vista di uno splendido tramonto e dalla soddisfazione di aver vinto una battaglia, non la guerra ma una battaglia, quella contro la negatività di pensiero. Al giorno d’oggi la negatività è dietro l’angolo, il pensiero che ci fa dire “non ce la faccio più!” è sempre lì, a portata di testa. Ma ci pensiamo mai a chi veramente avrebbe tutto il diritto di dire “non ce la faccio più!” per svariati motivi? E magari noi lo diciamo con la stessa semplicità con cui si trangugia un bicchiere d’acqua...e noi stiamo bene, abbiamo problemi che più o meno tutti hanno oppure, ancora peggio, ce li creiamo. So che spesso è più facile guardare nell’orticello di casa propria e non dico nemmeno che dobbiamo pensare a chi sta peggio di noi per sentirci meglio, questo mai. Dico solo che dovremmo essere più rispettosi quando si fanno certe affermazioni perché non sappiamo mai che tipo di lotta stiano portando avanti le persone intorno a noi, quelle con cui parliamo e che magari non ci hanno mai detto “io non ce la faccio davvero più!” nonostante ne abbiano il pieno diritto.
Parole scontate che possono sembrare di circostanza ma non è così...e ringrazio chi mi ha dato la possibilità di rifletterci su.
E dopo questa lunga riflessione...torniamo a cucinare! Ho preso ispirazione da una ricetta che ho trovato in uno splendido libro di cucina naturale, "Papaveri e Pistacchi" edito da De Agostini. La ricetta è pressochè identica a quella che trovate sul libro ma ho sostituito le nocciole con i miei tanto amati anacardi e vi assicuro che l'abbinamento è riuscitissimo.


Ingredienti
5 patate di media grandezza
1 scalogno (la ricetta prevede 1 cipolla)
100 gr di anacardi tostati ma non salati (la ricetta prevede 100 gr di nocciole)
rosmarino
sale
olio EVO

Preparazione
Come prima cosa trito grossolanamente gli anacardi in un mixer poi preriscaldo il forno a 180°.


Sbuccio e grattugio le patate e le faccio rosolare velocemente in padella con un filo d'olio e lo scalogno affettato sottilmente poi le sistemo in una terrina e aggiungo sale, rosmarino tritato e granella di anacardi.


Inserisco il composto in uno stampo da plumcake rivestito con della carta da forno bagnata e strizzata e faccio cuocere in forno per circa 35/40 minuti.
 

Lascio raffreddare prima di sformare.

28 commenti:

  1. Ma è sfiziosissimo!!!!!
    Complimenti Alessia!!!
    Un caro saluto e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Carmen, è un abbinamento insolito ma davvero gustoso!
      A presto e buona giornata.
      Alessia

      Elimina
  2. Alessia ciao! Parole come quelle che hai scritto tu non sono mai scontate, quando le leggi pensi di saperle, di averle dette e sentite tante volte seppur formulate in modi diversi ma il fatto che non ti stanchi mai di pronunciarle o ascolarle le trasforma in necessarie. Grazie per averci dato una scrollatina, è proprio vero che non sappiamo mai quale storia si nasconde dietro alle persone con cui parliamo quotidianamente e che il giudizio spesso è così veloce che precede anche il pensiero stesso. un pò al giorno si può tentare di migliorare! La tua ricetta è intrigante davvero, la riproporremo presto! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissime Pancette, grazie a voi come sempre di aver sprecato un pochino del vostro tempo per passare a trovarmi! Vi abbraccio e ditemi cosa ne pensate del tortino!

      Elimina
  3. Belle riflessioni Alessia...è vero che spesso diamo per scontato il nostro "benessere" e ci lamentiamo nonostante non ci manchi nulla di essenziale, mentre ci sono tanti che non hanno nulla ma vanno avanti a testa alta...Però, sono certa che tutti noi ci sforziamo per fare il nostro percorso, a volte a fatica e a volte più serenamente, ma siamo in divenire...Ad allietarci, per fortuna c'è anche la buona cucina e il tuo tortino è davvero squisito! Bravissima e a presto, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante parole...ci lamentiamo spesso senza riconoscere le fortune che abbiamo!
      Un abbraccio forte cara Mary!

      Elimina
  4. Davvero un bel post, che fa riflettere. Mi ha toccato molto anche perchè un mio collega ha subito un grave incidente da cui si sta riprendendo con grande fatica. E ogni piccola conquista è per lui un grande successo. Quindi capisco benissimo quello che hai scritto, hai ragione dovremmo veramente riflettere su queste cose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elenuccia :)
      Ti mando un grosso abbraccio e spero proprio che il tuo collega tiri fuori quella forza di cui parlavo e ne esca egregiamente.
      A presto

      Elimina
  5. Che belle le tue parole Alessia, fanno davvero riflettere su quelle che sono le cose importanti. E bellissima anche questa ricetta! Mi incuriosiscono molto gli anacardi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Maria :)
      Io di anacardi ne mangerei dei chili!!!!!!!!!
      A presto, un bacione

      Elimina
  6. Ciao piacere, vengo dal blog di Chiara; ho letto la tua riflessione e la condivido.
    Mi stuzzica molto questo tortino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, piacere mio :)
      Grazie della visita e del commento. A presto

      Elimina
  7. Ciao Alessia , arrivo ora dal blog di Chiara , è un piacere conoscere il tuo blog ricco di ricette molto interessanti. Favoloso questo tortino un connubio particolare di sapori. Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per tutti i complimenti, sei davvero gentile!
      A prestissimo!

      Elimina
  8. Anch'io arrivo dal blog di Chiara, ho letto il post di un fiato e mi è piaciuto tantissimo. Anche il tortino ha un aspetto delizioso. A presto

    RispondiElimina
  9. Ciao Alessia.. piacere di conoscerti.. arrivo dritta dal blog di Chiara.. Complimenti per questo tortino!!!!! hai utilizzato una frutta secca che amo.. ma che compro poco.. un bacio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è tutto mio!
      Grazie e...se ti piacciono gli anacardi devi assolutamente provare questo tortino!
      A presto.

      Elimina
  10. è un piacere conoscerti, Chiara non sbaglia mai. Complimenti per il blog e per le tue ricette molto interessanti. Ciao.

    RispondiElimina
  11. Delizioso Alessia! I come from Chiara blog
    Complimenti per tuo blog:)

    RispondiElimina
  12. spesso è più facile guardare il granello di polvere nel'occhio dell'altro piuttosto che la trave che abbiamo nel nostro o comunque mai giudicare dalle apparenze.. insomma c'è tanto da dire, parole mai scontate anche se ripetute all'infinito .. sfiziosissimo questo tortino :) ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante cara Vicky!
      Ciao, grazie e a presto :)

      Elimina
  13. Ciao carissima piacere di conoscerti, sono la tua 49° follower vengo dal blog di Chiara e ti faccio i complimenti per questa bella ricetta!!!!! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Mariangela, piacere mio.
      A prestissimo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...