mercoledì 26 giugno 2019

Budino al latte

Con l'estate continuo ad avere un pessimo rapporto.
Il caldo mi mette di cattivo umore.
No no, non si tratta di quel bel caldo secco con un po' di vento che ti scompiglia i capelli. No, qui si sta parlando di un caldo umido che ti fa appiccicare i vestiti addosso, che ti fa sentire sporca, che ti fa sudare anche quando sei ferma all'ombra. Ed è un caldo che non tollero.
Mi sento a disagio, infastidita ed estremamente nervosa. E più mi viene fatto notare che fa caldo, più sento caldo. E più mi viene fatto notare che sono nervosa, più divento nervosa.
Sbuffo, sbatto, soffio, graffio e mordo.
Io so bene cosa sia il caldo secco perché in Grecia ci sono stata e mi sono ustionata ma non ho sudato. E non ero appiccicosa.
Ecco, odio essere appiccicosa. Odio ciò che si appiccica.
Sto sinceramente desiderando l'autunno, il golfino serale, la copertina, la sciarpina intorno al collo…i funghi, le castagne, il Panettone…
Ok forse sono andata un po' troppo il là, il concetto credo sia chiaro.
Uff, è che mi passa anche la voglia di cucinare, divento scostante, antipatica (sì più del solito!), noiosa (sì più del solito!) e irritabile (sì, più del solito!).
Insomma è davvero frustrante, è una situazione insostenibile per la sottoscritta e per tutti coloro che devono sopportarmi.
Poi mi faccio forza e provo almeno a preparare un dolcetto fresco per i miei bimbi...il risultato? Rebecca lo spinge via dicendomi "Non mi piace!"...detto da una che apprezza i budini fatti con i preparati però non fa testo, vero?!
A me, al suo papà e a Tommaso è piaciuto moltissimo.
Figlia ingrata!
Vi lascio la ricetta di questo genuino e goloso budino di latte.

Ingredienti per 6 budini
500 ml di latte intero
50 gr di amido di mais
60 gr di zucchero di canna integrale
scorza di limone
1/2 bacca di vaniglia (per questo budino ho usato un pezzetto di baccello già svuotato dei semi, usati per una precedente preparazione)



Preparazione
In un pentolino sciolgo l'amido di mais con un po' di latte aiutandomi con una frusta per evitare i grumi.




Aggiungo il latte restante, lo zucchero, la bacca di vaniglia e la scorza del limone (io ho usato il pelapatate per ottenere dei grossi "petali" di scorza facili da eliminare alla fine) sposto tutto sul fuoco a fiamma dolce. Continuo a mescolare per evitare la formazione di grumi e cuocio fino ad ottenere una crema liscia e vellutata dalla consistenza che ricorda quella della besciamella.




Tolgo dal fuoco, elimino vaniglia e scorza di limone e verso negli stampini. Faccio intiepidire poi faccio riposare in frigorifero per almeno 3 o 4 ore, meglio ancora se tutta la notte.





Gustare freddo in tutta la sua semplicità oppure arricchirlo con topping o frutta.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...